ALLA CONQUISTA DELL’ANTARTIDE

Dopo un secolo il sogno di Shackleton si realizza con Hyundai

Sembra la trama di un film, eppure è tutto reale: Patrick Bergel, pronipote dell’esploratore britannico Sir Ernest Shackleton, ha coronato il sogno del bisnonno di attraversare l’Antartide e contemporaneamente ha fatto la storia, insieme a Hyundai, completando la prima traversata di questo continente a bordo di “normale” SUV, una Santa Fe 2.2 diesel con pochissime modifiche tecniche. 

“Credo che sia nella nostra natura esplorare, tendere la mano verso l’ignoto. L’unico vero fallimento sarebbe non esplorare affatto” ∼ Ernest Shackleton

Shackleton 15

Shackleton e i suoi uomini rimasero bloccati su una banchisa di ghiaccio per due anni durante la spedizione Endurance (1914-1916), il primo tentativo di attraversare l’Antartide, ma grazie all’esploratore tutti i membri del suo equipaggio si salvarono. 

Bergel ha completato la spedizione del bisnonno in 30 giorni percorrendo 5.800 km, da Union Camp a McMurdo Sound e ritorno, su tracciati ghiacciati e affrontando lunghe distanze con temperature fino a -28°C. 

Il percorso è stato costellato da insidie, lo stesso Bergel ha affermato che ad un certo punto sono stati costretti a legare le vetture l’una all’altra, trovandosi vicino ad un crepaccio, per essere pronti all’eventuale caduta di un mezzo. 

Le modifiche che Hyundai ha apportato a questo modello del SUV Santa Fe hanno riguardato: 

  • gli pneumatici: sono stati installati pneumatici di grandi dimensioni e a bassa pressione importanti per spostarsi sulla neve. 
  • il serbatoio: la capacità del serbatoio è stata aumentata ed è stato utilizzato il carburante Jet A-1, l’unico disponibile sul continente.
  • il sistema di riscaldamento del motore: non sono state effettuate modifiche al motore e alla centralina, ma date le condizioni estreme dell’Antartide è stato necessario aggiungere un sistema di riscaldamento interno per le basse temperature.
  • dei riduttori di trasmissione: sono stati installati dei riduttori di trasmissione riprogettando le sospensioni e i semiasse per ottenere migliori performance sulla neve.

Per saperne di più su questa incredibile impresa: http://shackletonsreturn.hyundai.com/it/ 

Ecco invece lo short film firmato Hyundai che riassume la traversata:

 

The following two tabs change content below.

Isabella Fresia

Laureata in Scienze dei beni culturali all'Università degli Studi di Milano, fotografa di moda e appassionata di auto e viaggi!

Se ti va, lascia la tua opinione!